Informazioni pratiche per la comunità USI

Associazioni studentesche riconosciute: creazione, diritti, doveri

L’USI incoraggia le iniziative culturali, sociali, sportive e ricreative proposte dai propri studenti.

A tal fine favorisce la costituzione di associazioni studentesche, senza fine di lucro, riconoscendone le attività e il ruolo anche attraverso la messa a disposizione di spazi e risorse.

Con il termine “associazione studentesca” si intende un gruppo di studenti attualmente immatricolati all’Università della Svizzera italiana (USI), che si riuniscono per promuovere un interesse comune. Queste organizzazioni sono fondate e gestite da studenti, ma possono includere altri componenti della comunità accademica quali gli alumni, i docenti e i collaboratori – purché la maggioranza dei membri consista in studenti regolarmente immatricolati all’USI.

L’USI riconosce il contributo vitale che le associazioni studentesche forniscono al percorso formativo e alla vita dell'Ateneo; tuttavia dal punto di vista formale un’associazione studentesca, sebbene ufficialmente riconosciuta, non va interpretata come emanazione dell’USI o delle sue attività accademiche.

La presente pagina illustra come creare una nuova associazione studentesca ufficialmente riconosciuta dall’USI, con i relativi diritti e responsabilità.

Per qualsiasi ulteriore informazione è possibile contattare associazioni-studentesche@usi.ch.

Expand All

  • Passi da intraprendere

    I passi per diventare un’associazione studentesca ufficialmente riconosciuta dall’USI sono:

    1. Formulare in maniera concisa lo scopo della nuova associazione.
    2. Verificare nell’elenco delle associazioni riconosciute se esistano già associazioni con un profilo simile. Se così fosse, vagliare la possibilità di collaborare con l’associazione esistente.
    3. Valutare se l’associazione proposta sia sostenibile nel tempo e in particolare se esista un potenziale ragionevole di attrarre annualmente nuovi membri in grado di garantire l’avvenire delle attività dell’associazione.
    4. Riflettere su come le attività dell’associazione si inseriscano nella comunità universitaria e su come sviluppare programmi ed eventi che promuovano il senso identitario dell’USI.
    5. Creare il nucleo gestionale dell’associazione composto da almeno 3 studenti (nominare il Presidente, che è anche il rappresentante legale dell’associazione, il vice-presidente e il tesoriere).
    6. Assicurarsi un minimo di altri 10 studenti dell’USI che abbiano interesse a partecipare alle attività dell’associazione. Prendere nota dei nomi e degli indirizzi e-mail degli interessati (da allegare al modulo di iscrizione).
    7. Redigere lo statuto della nuova associazione, secondo il modello disponibile in allegato e/o il modello delle altre associazioni.
    8. Leggere attentamente i paragrafi relativi ai benefici e agli obblighi delle associazioni studentesche (cfr. i prossimi capitoli).
    9. Compilare il modulo di iscrizione. Seguirà un eventuale colloquio personale con il Segretario generale dell’USI.
  • Benefici del riconoscimento

    I benefici dello status di “associazione studentesca ufficiale dell’Università della Svizzera italiana” sono

    • prenotazione gratuita delle aule e delle relative attrezzature audio-video per scopi strettamente legati alle attività dell’associazione. Sono escluse le feste studentesche. Le prenotazioni sul campus di Lugano possono essere fatte scrivendo a gestione-aule.lu@usi.ch indicando la capienza dell’aula, la data, l’ora e lo scopo. Preghiamo di fare le prenotazioni con largo anticipo e di essere flessibili in considerazione della generale mancanza di spazi liberi;
    • possibilità di usare la definizione “un’associazione studentesca dell’Università della Svizzera italiana” nella propria promozione. Non è invece possibile usare il logo ufficiale dell’USI;
    • possibilità di presentarsi con uno stand nel contesto delle giornate delle matricole e presenza nell’elenco delle associazioni riconosciute;
    • assegnazione di una casella postale e di un url sotto il dominio usi.ch (il sito dovrà essere realizzato in maniera indipendente);
    • diritto di inviare e-mail a tutta la comunità accademica dall’indirizzo dell’associazione;
    • possibilità di richiedere la pubblicazione dei propri eventi sul sito dell’USI e sulla newsletter USIFlash (comunicazione interna) scrivendo a press@usi.ch. Il Servizio comunicazione e media selezionerà gli eventi più rilevanti per la comunità;
    • breve consulenza:
      - da parte del Servizio e comunicazione e media per eventuali comunicati stampa (la comunicazione dovrà però essere fatta in maniera autonoma) e sull’uso dei social media per la promozione delle proprie attività;
      - da parte del Servizio grafica (per la creazione di un layout per la comunicazione via e-mail o per creare la propria identità visiva);
    • possibilità di pubblicizzare i propri eventi sugli schermi dei campus;
    • buono annuale di 100 CHF presso la stamperia dell’USI da usare per la promozione delle proprie attività; i materiali da stampare devono essere inviati alla stamperia con almeno una settimana di anticipo;
    • buono annuale per 100 biglietti da visita (come da design dell’associazione, senza il logo ufficiale dell’USI); i biglietti da stampare devono essere inviati alla stamperia con almeno una settimana di anticipo;
    • possibilità di avere uno stand (ad esempio per vendite di biglietti o di torte per raccogliere fondi) previa autorizzazione della direzione amministrativa; se lo stand è previsto nell’atrio dello stabile principale del campus Lugano, occorrerà anche prenotare lo spazio rivolgendosi a gestione-aule.lu@usi.ch;
    • possibilità di richiedere merchandising dell’USI per eventi particolari al Servizio orientamento e promozione, che valuterà se concederlo a seconda della natura dell’attività;
    • possibilità di portare negli spazi dell’USI esposizioni o eventi di interesse per gli studenti o per il pubblico, previa autorizzazione della direzione amministrativa.
  • Obblighi delle associazioni

    • Le associazioni studentesche riconosciute dall’USI devono essere costituite per svolgere – a favore degli studenti e senza finalità di lucro – attività di carattere culturale, formativo, ricreativo, di sostegno alla didattica e di rappresentanza della componente studentesca, che non si pongano in sostituzione o contrasto con le attività istituzionali dell’USI.
    • Le associazioni si devono ispirare a principi di democrazia e uguaglianza dei diritti di tutti gli associati.
    • Ogni associazione nella propria presentazione è tenuta ad indicare chiaramente le proprie finalità, i campi di interesse, la lingua delle proprie attività (si raccomanda se possibile di includere sia l’italiano sia l’inglese) e il nominativo del proprio rappresentante legale. L’associazione è inoltre tenuta a pubblicare sul proprio sito la versione integrale del proprio statuto. 
    • Nessuna associazione studentesca può promuovere una propria attività facendo intendere che sia organizzata dall’Università della Svizzera italiana.
    • Le associazioni sono tenute a fornire contatti validi e ad aggiornarli in caso di cambiamento. Saranno effettuati controlli a scadenza regolare per verificare che l’associazione sia ancora in attività.
    • I contenuti dei siti delle associazioni sono totalmente a cura e responsabilità delle associazioni stesse. Lo stesso vale per le attività proposte.
    • Responsabilità nell’uso degli spazi: gli utenti sono invitati a lasciare le aule come le hanno trovate. La responsabilità della cura degli spazi e delle attrezzature è del rappresentante legale dell’associazione.
    • L’USI si riserva il diritto di togliere il proprio riconoscimento e sostegno a un’associazione nei seguenti casi:
      - mancato rispetto delle finalità istitutive dell'associazione;
      - atti e comportamenti direttamente imputabili all'associazione che siano gravemente lesivi dell'immagine o degli interessi dell’USI, della sua comunità studentesca o dell'immagine, degli interessi, della dignità di terzi in genere;
      - mancata osservanza degli altri obblighi qui definiti.

Facoltà

Pubblico

Tema

Aggiornato al: 25/10/2017