Informazioni pratiche per la comunità USI

Direttive per l’uso della rete informatica e telematica universitaria campus di Lugano

20 ottobre 2006

La rete universitaria dell’USI rappresenta un importante mezzo di lavoro per tutti i suoi utenti. Essa comprende tutti i mezzi informatici e telematici messi a disposizione dall’Università. Per poter garantire il suo funzionamento, tutti gli utenti devono attenersi alle seguenti disposizioni.

 

1. Categorie d’utenti

Gli utenti della rete informatica universitaria si distinguono in:

  • collaboratori. I membri del corpo accademico (docenti, assistenti, ricercatori) e i membri del personale amministrativo, bibliotecario, tecnico e ausiliario dell’USI;
  • studenti. Gli/Le studenti/esse regolarmente immatricolati/e all’USI o in programma di mobilità;
  • esterni. Le persone non legate all’USI che hanno ottenuto accessi speciali alle risorse e ai servizi informatici centrali.

 

2. Scopi d’uso

I mezzi informatici e telematici sono messi a disposizione degli utenti per svolgere le attività richieste nel quadro degli studi o del rapporto di collaborazione.

L’uso per altri scopi personali è tollerato se:

  • provoca costi trascurabili (dipendono essenzialmente dalla quantità di informazioni in entrata);
  • non contrasta con gli interessi e l’immagine degli enti titolari della rete (Università e Stato);
  • non ostacola l’accesso ad altri utenti autorizzati;
  • non serve ad attività lucrative, salvo espressa autorizzazione;
  • nel caso dei collaboratori, non va a scapito del tempo di lavoro.

 

3. Chiusura

L’accesso, rispettivamente l’uso dei mezzi informatici e telematici può essere chiuso segnatamente in caso di cessazione del rapporto di lavoro all’Università (collaboratori), di exmatricolazione definitiva o fine del programma di mobilità (studenti), o del mancato rinnovo di un’autorizzazione eccezionale (esterni).

È concesso un mese di termine dopo la fine dell’attività.

Si riserva la chiusura in caso di violazione delle disposizioni delle presenti direttive.

 

4. Obblighi particolari

Codici e parole chiave

Se l’accesso avviene tramite codici e parole chiave, l’utente non deve comunicarli a terzi e deve proteggerli adeguatamente. Per ragioni di sicurezza, si consiglia l’utente di cambiarli regolarmente. È vietato l’uso di una parola chiave che non sia la propria.

Comportamento

L’utente rispetta le regole in vigore sulle reti utilizzate, in particolare quelle di SWITCH, come pure le raccomandazioni generali d’utilizzazione dei servizi Internet.

Sicurezza

Sono vietate tutte le attività legate all’aggiramento dei sistemi di sicurezza (di software e materiali).

Copyright, protezione dati

I diritti di copyright devono essere rispettati dall’utente, in particolare per quanto concerne la copia, la trasmissione di programmi in licenza, nel rispetto delle leggi cantonali e federali sul diritto d’autore e la protezione dei dati personali, come pure delle direttive dell’USI.

Comunicazione violazioni

L’utente è tenuto a segnalare ai gestori dei mezzi informatici e telematici violazioni delle regole giunte a sua conoscenza in connessione con l’uso dei mezzi stessi. Il semplice possesso di mezzi atti a violare le regole può essere considerato una violazione, se l’utente non dimostra che il possesso è giustificato da necessità di uso regolare o da compiti ricevuti.

 

5. Divieti

L’utente è responsabile per il rispetto dei diritti di proprietà intellettuale dei programmi che utilizza, per l’uso che fa della rete e per il contenuto delle informazioni che diffonde. Inoltre, il contenuto dei messaggi scambiati deve essere conforme ai buoni costumi, alla dignità e alla reputazione dell’Università e dei suoi membri.

In particolare sono vietati:

  • l’utilizzo, la copia (salvo copia di sicurezza) e la diffusione di software o della documentazione ad esso relativa, senza autorizzazione dell’autore o dell’avente diritto;
  • l’acquisizione illecita di dati protetti, l’introduzione indebita in sistemi protetti, il danneggiamento illecito di dati altrui, come pure la messa in circolazione di programmi a ciò destinati;
  • la diffusione di pornografia, l’incitamento all’odio razziale, l’apologia di reato, le diffamazioni, ingiurie ecc.
  • Il collegamento di elaboratori privati alla rete informatica è proibito salvo esplicita autorizzazione.

Accanto alle regole del Codice civile e del Codice penale svizzeri, delle leggi federali in materia di diritti d’autore e di protezione dei marchi, della legislazione federale e cantonale sulla protezione dei dati, valgono pure le regole disciplinari proprie all’istituzione di appartenenza dell’utente.

Il collegamento di elaboratori privati alla rete informatica è proibito, salvo esplicita autorizzazione.

 

6. Responsabilità

L’utente è responsabile dei suoi dati (custodia, riservatezza, contenuto).

L’USI esclude ogni responsabilità riguardante i danni diretti, indiretti o conseguenti all’uso dei servizi informatici centrali da parte dell’utente.

 

7. Struttura d’autenticazione ed autorizzazione di SWITCH (IAA)

Clausola di protezione dati

L’utente prende atto che i dati personali che lo riguardano sono raccolti da fonti disponibili e da comunicazioni ricevute sia dall’utente o da altre università, sia da fonti esterne al sito. Questi dati saranno utilizzati segnatamente per autenticare, autorizzare l’accesso e l’uso di risorse fra l’USI e altri siti (“Trasmissioni autorizzate”). L’utente acconsente alla raccolta, al trattamento, all’uso e alla diffusione di questi dati nella misura ragionevolmente necessaria per le Trasmissioni autorizzate. Questo accordo implica segnatamente la comunicazione di dati personali ad altre istituzioni tramite l’impiego di cookies, lo scambio, la memorizzazione e il deposito elettronici di attributi d’autorizzazione personale.

Limitazione di responsabilità

Entro i limiti legali concessi, l’utente rinuncia anticipatamente ad ogni rivendicazione di danni sia diretti o indiretti, sia fortuiti o conseguenti (compreso, fra l’altro, il mancato utilizzo e la perdita di guadagno), sia contrattuale o per atti illeciti, derivanti dall’uso dei servizi d’autenticazione e d’autorizzazione che permettono all’utente di accedere alle risorse. Questa rinuncia ad ogni rivendicazione si estende a tutti i beneficiari dei servizi d’autenticazione e d’autorizzazione, in particolare il fornitore del sevizio IAA e le sue filiali, i responsabili, gli impiegati e i funzionari.

 

8. Controlli e conseguenze

I gestori dei mezzi informatici e telematici possono sorvegliare le attività degli utenti, anche a loro insaputa, in caso di indizi di violazione delle regole, per scoprire gli autori.

L’utente che infrange le disposizioni delle presenti direttive sarà denunciato alle competenti autorità accademiche ed amministrative per le rispettive sanzioni.

La violazione delle regole può comportare, oltre a conseguenze penali o disciplinari, la revoca del diritto d’accesso e l’obbligo di risarcire i danni risultanti dall’utilizzo abusivo, della sua identificazione e d’eventuali procedure giudiziarie.

 

Le presenti direttive sono state approvate dalla Direzione amministrativa dell’USI il 20 ottobre 2006. Esse sostituiscono i testi finora in vigore, fra cui il regolamento d’utente dei mezzi informatici e telematici dell’USI del 7 ottobre 2004.

Facoltà

Pubblico

Tema

Aggiornato al: 01/03/2018